Seguimi da Salles-Courbatiès a Najac per due giorni di escursioni tra le bastide e le gole dell'Aveyron. Poco più di 36 chilometri da percorrere sul GR 62b e sul GR 36 verso Santiago de Compostela.

Partenza in treno da Najac

Fortezza di Najac
Aurelia Michel

È con una superba vista dal basso del dungeon del Fortezza reale di Najac (200 metri sopra l'Aveyron) che attendo pazientemente l'arrivo del mio treno. Lui è lì; Mi sistemo in una delle 2 auto. Ecco fatto, il viaggio inizia... 

Breve viaggio di 15 minuti per Salles-Courbatiers ma prima scoperta: il gole dell'Aveyron visto dal treno tra Najac e Monteils. 11 ponti, 9 gallerie, questa è l'impresa tecnica realizzata tra il 1853 e il 1858 per costruire i 6 km di linea ferroviaria che collegano questi 2 paesi. 

Verde, boscoso, senza sbocco sul mare e lussureggiante sono le parole che mi vengono in mente quando guardo fuori dalla finestra.  

Prima tappa: Salles Courbaties – Villeneuve d'Aveyron

Dopo una prima fermata del treno a Villefranche de Rouergue, il treno parte per attraversare la causse e arrivare alla stazione di Salles-Courbaties dove mi aspetta sul marciapiede della piccolissima stazione: Stéphanie. Infatti, che fortuna! Questa sera porterà i miei bagagli alla mia sosta e io parto leggero per 7.5 km di escursioni.

Eccomi sulla Causse de Villeneuve! Mi è stato detto che vedrai il Causse, è un vasto altopiano calcareo, arido e asciutto con poca vegetazione e molti ciottoli... Ebbene che sorpresa: canneto, passera di mare, tarabuso, beccaccino, zigolo, St. Albanella reale di Martin, porciglione…. Sì, una zona umida su terreno calcareo è molto rara! iO ATTRAVERSO la palude di Montaris che dà origine al fiume La Diège. Se come me, hai la possibilità di incontrare un locale, chiedigli di dirtelo la leggenda del gigante Gargantua alla fonte! 

Aurelia Michel

La Causse de Villeneuve

Questi bellissimi sentieri bianchi mi fanno venire voglia di tornare a pedalare in zona.

Chiesa del Santo Sepolcro a Villeneuve
Aurelia Michel

Il mio primo passo è completo; Arrivo e scopro l'affascinante villaggio di Villeneuve d'Aveyron dove trovo Stéphanie, la mia ospite questa sera al La casa dei pellegrini.  

Dopo la premiere questa notte nel cuore della città medievale, visito 2 passi dal mio alloggio Chiesa del Santo Sepolcro ornato di murales che rappresentano la leggenda degli impiccati/dipendenti, una leggenda legata appunto al cammino di Santiago de Compostela!

Seconda tappa: Villeneuve – Villefranche de Rouergue

Parto oggi per un'escursione di 14 km alla scoperta del causa sollievo piatto, morbido e facile, abbastanza da perdermi nelle mie meditazioni. Sprofondo nel sottobosco di querce e ascolto il canto degli uccelli, ma quali?

I narratori

Cazelle o garitte?

Queste costruzioni in pietra a secco non hanno più segreti per me.

À Villefranche-de-Rouergue Trovo il fiume Aveyron. Il mio arrivo nel pomeriggio mi dà il tempo di visitare il Cappella di San Giacomo, la Cappella dei Penitenti Neri et Certosa Saint Sauveur.

Dopo questa giornata impegnativa, approfitto di questa camera comoda e originale: un letto rotondo in camera Hotel Les Fleurines. Romain, il proprietario mi ha consigliato un buon tavolo per questa sera a pochi passi: Gaya. Prodotti freschi cucinati con gusto e fantasia, mi diverto!

Ora è il momento di andare a dormire. Do la buona notte alla cappella dei Penitenti Neri che posso vedere dalla mia finestra prima di sprofondare in un sonno profondo.

Ultima tappa: Villefranche de Rouergue – Najac 

Dopo 3 giorni, mentre progredivo, ho avuto il tempo di riscaldarmi! Oggi è il mio ultimo giorno di cammino: 22.5 km.

Per iniziare la mia giornata, ancora un paesaggio di Causse… e dintorni Rouquette lungo i muretti e ai piedi delle querce, ho avuto modo di vedere le orchidee: l'orchidea viola, l'orchidea maschio ma anche l'orchidea mosca e l'orchidea ape. Infatti, il Moro di La Borie e i suoi prati asciutti classificati Spazio naturale sensibile et Sito Natura 2000 contengono specie rare e protette. Maggio è stato il mese ideale per osservarli.

Monteil
Sylvie Bosch

arrivare Monteil, approfitto della panetteria e del negozio di alimentari di questo paesino tranquillo e pacifico per fare la mia rilassante pausa picnic, sdraiato nell'erba verde appena falciata a lato del ruscello e del piccolo ponte di legno.

Dopo un caffè sulla terrazza del bar del paese, parto per i restanti 8.5 km.

Avvicinandosi a Najac, il terreno non è più lo stesso, il terreno è più accidentato. Mi imbatto in eriche, ginestre e castagni, quelli che da secoli nutrono persone e bestiame.  

Una grande ricompensa mi aspetta a fine giornata: la superba città medievale di Najac ! Il cerchio è completo

Stanotte dormo a l'Oustal del Barry ! Una stanza confortevole mi aspetta nel cuore del villaggio di Najac. Trascorrerò lì due notti per poter sfruttare appieno questo eccezionale sito medievale.

Il mio consiglio

Approfitta della linea ferroviaria Aurillac – Tolosa con fermate a Salles-Courbatiès, Villefranche de Rouergue e Najac. Il vero comfort per i viaggi in roaming!

Temi

Stéphanie

A proposito di Stefania

100% locale! Ex ideatrice e organizzatrice di soggiorni itineranti “La Balade des Cités Médiévales”, “Terre d'Histoire et Village d'exception”… Vi consiglio di scoprire la zona, i suoi sentieri segreti e tranquilli, le sue stradine trafficate! Escursioni, uscite in bici o mountain bike, vie ferrate... Non mi annoio mai in questo angolo di Occitania!

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto