Costruita tra il 1452 e il 1462, sulla riva sinistra del fiume Aveyron, la Certosa di Saint-Sauveur a Villefranche-de-Rouergue era un monastero di monaci-eremiti obbedienti ai severi precetti voluti da San Bruno. Scopri la storia del luogo.

Girolamo Morel
Chartreuse Saint-Sauveur - Storia del luogo

vita monastica

Per più di tre secoli, padri e fratelli hanno vissuto secondo principi incentrati su solitudine, silenzio, privazione e lavoro spirituale.

Durante la Rivoluzione Francese i monaci furono espulsi e il comune di Villefranche-de-Rouergue se ne impossessò rapidamente per costruire l'ospizio che fu trasformato in ospedale.

Per scoprire la vita quotidiana dei padri certosini e dei fratelli laici, segui una delle visite guidate. All'interno del monumento è disponibile anche un commento audio.

Origini della Certosa di Saint-Sauveur a Villefranche

In 1450, Vezian La Valletta si recò a Roma per acquistare le indulgenze in occasione del giubileo celebrato da papa Nicola V. Prima di mettersi in viaggio, questo ricco commerciante di stoffe si preoccupò di redigere il suo testamento. In questo documento, ha registrato il suo desiderio di lasciare in eredità tutta la sua fortuna al Chartreux, a condizione che creino un monastero del loro ordine nel Bastide. Inoltre, chiese che fosse dettata una messa quotidiana, finché esistessero gli edifici, per il riposo dell'anima sua e di sua moglie. Colpito dalla peste durante il suo soggiorno in Italia, morì prima ancora di poter tornare al Rouergue. Sua moglie, Caterina Garnier, rispettando la volontà del defunto marito, disponeva l'ordine di recuperare il denaro necessario per l'inizio dei lavori.

La costruzione è iniziata nel 1452Sotto la direzione di Riccardo de Condom, ed è stato continuato dai capomastri Corrado Rogier e Jean Coupiac.

Oggi…

Ancora oggi il Certosa di Saint-Sauveur di Villefranche-de-Rouergue ti permette di immergerti nell'universo mistico dei figli di San Bruno. Attraverso tutti i suoi edifici è possibile ritrovare l'atmosfera in cui vissero i monaci per più di tre secoli. Si tratta di un edificio estremamente singolare in cui la sobrietà dell'architettura certosina e l'esuberanza del gotico di fine medioevo si incontrano. Infatti, nonostante l'ira del tempo, il monastero ha mantenuto tutta la sua presenza e racchiude tesori che tutti gli amanti dell'arte e della storia devono scoprire.

Questo contenuto ti è stato utile?

Enregistrer

Condividi questo contenuto