Amanti della storia e del patrimonio, scoprite la storia dei Penitenti di Villefranche de Rouergue.

L'origine delle confraternite dei penitenti

Il concetto di “penitenza” nasce nel XII secolo in Italia, nel senso di “dono di sé all'altro”, riprendendo la citazione biblica: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; fare penitenza”. Con gli orrori della Guerra dei Cent'anni e le molteplici epidemie che colpirono l'Europa, si svilupparono in tutta Europa una moltitudine di confraternite di mutuo soccorso. 

Tuttavia, fu all'alba del XVI secolo che conobbero un notevole sviluppo, in reazione al sorgere del protestantesimo respirato da Martin Lutero. Nel 1517, questo monaco tedesco scosse la Chiesa cattolica di Roma denunciando tutti gli abusi e gli eccessi che avvenivano all'interno dello stesso Vaticano. In particolare protestò contro il sistema delle indulgenze che permetteva al Papa di finanziare la ricostruzione della Basilica di San Pietro. Il papato, infatti, si era arricchito da diversi decenni sulla credulità dei fedeli che pensavano di potersi liberare dai loro peccati e ottenere la salvezza divina in cambio di denaro. Questo è come il Riforma protestante ha avuto origine in Germania prima di diffondersi in Svizzera e Francia via Giovanni Calvino. Rapidamente, questa nuova dottrina liberata dalla Santa Sede ha toccato le élite di un gran numero di comuni compresi Villefranche-de-Rouergue.

Girolamo Morel
Volta della Cappella dei Penitenti Neri

Per combattere questo, la Chiesa cattolica romana istituì, tra il 1545 e il 1563, il Concilio di Trento. Lo scopo di questo incontro era correggere i misfatti denunciati dalle autorità ugonotte e riaffermare il messaggio del Vangelo. Inoltre, ha mantenuto i sette sacramenti, compreso quello di penitenza, e ha promosso lo splendore e il lusso dell'autorità papale, attraverso il sviluppo dell'arte barocca.

Per contrastare l'assenza di immagini propugnata dal protestantesimo, il cattolicesimo decise di diffondere la potenza di Roma arricchendo e drammatizzando i suoi edifici con un combinazione di colori, di doratura e tanta tanta mouvements. Purtroppo ciò non impedì lo scoppio delle Guerre di Religione con l'eccidio di Wassy nel 1562. Una serie di otto conflitti di estrema violenza dilaniarono il popolo francese, il cui episodio più significativo resta la notte di San Bartolomeo, 24 agosto , 1572, dove decine di migliaia di protestanti furono massacrati in tutto il regno.

Chi erano i penitenti?

Dopo la firma dell'editto di Nantes da parte di Enrico IV nel 1598, si decise di non combattere più i protestanti con la forza ma con una riaffermazione del pensiero cattolico. Ora l'idea che le buone opere avrebbero salvato le anime dall'inferno, uomini e donne, ansiosi di accedere alla vita eterna, si unirono confraternite di penitenti. Questi ultimi, composti in prevalenza da laici, si riunivano nella loro cappella per fare devozioni prima di partire per la città per aiutare i più poveri. Tra i loro compiti principali, si prendevano cura dei malati, si prendevano cura degli orfani, si prendevano cura dei poveri, accompagnavano i condannati a morte e organizzavano cerimonie funebri. Indossavano una tonaca il cui colore materializzava la loro appartenenza oltre a una corda in vita e un rosario. Tuttavia, l'elemento principale del loro abbigliamento era il capuce, ovvero il cappuccio che indossavano sul capo, in segno di umiltà e protezione sanitaria.

Penitenti a Villefranche de Rouergue

Due confraternite di questo tipo nacquero a Villefranche-de-Rouergue nel 1609, quella di penitenti azzurri, sotto il nome di San Girolamo, e quello di penitenti neri, sotto la protezione della Santa Croce. Quest'ultima, tuttavia, non aveva i fondi necessari durante i suoi primi anni di vita per possedere una propria cappella. L'acquisto di un terreno all'estremità nord della bastide, il finanziamento delle opere strutturali e la donazione di alcuni penitenti hanno permesso la realizzazione del cappella. Uno di questi colleghi, peraltro, riposa ancora oggi nel cuore del palazzo, secondo le sue ultime volontà testamentarie.

La confraternita raggiunse il suo apice nella prima metà del 300° secolo con più di XNUMX membri, uomini e donne. Si arricchì grazie alle sottoscrizioni dei suoi membri e alle aste che si svolgevano prima di ogni processione, il Venerdì Santo e il giorno dell'Esaltazione della Santa Croce. Il più grande donatore ha avuto l'onore e il privilegio di incarnare Cristo durante il pellegrinaggio che ha lasciato la cappella per raggiungere il Cappella di San Giovanni d'Aigremont, dopo aver attraversato le vie della città e le varie stazioni della calvario. Questi soldi hanno permesso di avvalersi di laboratori di grande talento sia per le parti lapidarie che per la lavorazione del legno, che nulla hanno da invidiare ai maestosi edifici barocchi della Città Eterna.

Tuttavia, la vitalità della confraternita, che fu sciolta durante la Rivoluzione francese prima di riprendere nel 1805, durò solo fino al 1905 e alla legge di separazione tra Chiesa e Stato. In effetti, non c'erano abbastanza membri e quindi non abbastanza soldi per mantenere atti di carità nel cuore della città. Nel 1920 il cappella è stata classificata come Monumento Storico prima dell'inizio dei grandi progetti di restauro negli anni '1970.

Questo contenuto ti è stato utile?

Enregistrer

Condividi questo contenuto