Ti sto portando a ovest dell'Aveyron per il mio primo volo in parapendio sulle alture del Lot! Vola via con me...

I brani e io, ecco due! Piuttosto vicino al suolo, mi sono lasciato tentare da questo volo in parapendio offerto da Elisabeth e David. Entrambi sono grandi appassionati di parapendio e sono desiderosi di aiutare le persone a scoprire le sensazioni vissute dagli uccelli che osserviamo da terra ogni giorno...

Girolamo Morel

Ci incontriamo in un bellissimo pomeriggio di inizio luglio da qualche parte ai confini della nostra bellissima Aveyron per iniziare questa esperienza!

Le Saut de la Mounine, un luogo leggendario

Questo luogo prende il nome da una storia senza età raccontata a grandi e piccini: a una giovane ragazza innamorata di un ragazzo è vietato sposare l'amato dal padre. È la figlia del signore di Montbrun, lui è solo un semplice cittadino comune.

Con l'aiuto di un eremita che vive sulla rupe che domina il Lot insieme alla sua scimmia: la sua mounine in occitano, hanno messo a punto un piano per far dire "sì" al padre arrabbiato. La mounine salterà dalla scogliera vestita di un abito bianco come la signorina per dare al padre l'illusione che la figlia si sia suicidata in seguito ai suoi numerosi rifiuti di sposarsi. Preso da una tristezza infinita, è quando vede sua figlia (vivissima) che festeggia subito il fidanzamento!

Conoscendo già bene questa leggenda, vorrei non subire la stessa sorte del mounine!
Immediatamente David mi rassicura: pratica la sua attività da anni, prima di entrare
le Alpi e padroneggia perfettamente tutto ciò che è necessario sapere per un decollo di successo e un volo di successo.

ci stiamo preparando...

Bene e bene, più che attrezzarsi: imbracatura, cinghie, big bag
zaino che servirà da sedile in volo e soprattutto: un bel po'
casco!

Ci attacchiamo per il bene dei moschettoni tra passeggero e istruttore… Non ci resta che aspettare che si alzi il vento… Le foglie delle querce sottostanti iniziano a dimenarsi, è ora!
Siamo pronti. L'ala è impressionante posta a terra prima del decollo, le linee sono molto dritte e formano delle linee
colorato su questo terreno roccioso della causse.

Il vento si alza: "Guarda avanti, cammina svelto quando te lo dico.. Andiamo!" Aderisco, un grido segna i nostri piedi che decolla
da terra la vela ci porta e in breve siamo a 300 metri sopra i meandri del Lot.

Che vista ! Che libertà! È così impressionante questa sensazione di volare in silenzio: siamo più in alto degli uccelli stessi! Sotto i miei piedi vedo persino un aquilone...

Nel cielo, con gli uccelli...

Non ho più alcuna apprensione, mi diverto e basta. Si discute con David: è dotato di microfono per comunicare con gli altri parapendisti della zona ma anche con Elisabeth che è a terra e che ci verrà a prendere con il suo furgone. Dispone inoltre di un box che misura la presenza di aria calda in salita, che permette di salire un po' più in alto. Mi spiega che possiamo volare fintanto che abbiamo quest'aria calda (fino a 612 km di distanza per la cronaca) ma allo stesso tempo non sappiamo mai per quanto tempo precisamente: il parapendio dipende dal clima, ha per affrontare i cambiamenti climatici.

Non saliremo molto in alto, ma già il spettacolo mi delizia! vedo il campanile fortificato di Sainte-Croix, la Sauté-bastide di Villeneuve, il Lot e le sue scogliere, immagino la posizione di Figeac e in contrasto con Saint-Cirq-Lapopie.

È ora di sistemarsi. Lasciamo il scogliere per sorvolare il causa e i suoi campi pieni di balle di paglia o di pecore, che cercheremo di evitare: un'esperienza alla volta! Farei a meno di fare un salto a grandezza naturale...

“Questo campo lì, lo vedi? Questo è dove atterreremo. È impressionante perché arriveremo in fretta, ma ricorda solo una cosa: ti alzi dall'imbracatura (il sedile) e ti prepari per correre” Si nota.
In effetti, non avevo nemmeno bisogno di fare un passo. Siamo atterrati come se fossimo appena saltati sul posto.

Elisabeth ci aspetta con il navetta per riportarci al punto di partenza dove i miei amici
aspetta il loro turno. Sono entusiasta, e lo saranno anche loro!

Temi

Clémence

A proposito di Clemente

Originario dei Pirenei, sono arrivato nella regione per caso. Ho trovato nelle Bastides e nelle gole dell'Aveyron una regione selvaggia e patrimonio che mi ha fatto rimanere. Per poter camminare sia in strette gole che
mi ricorda le mie montagne o sui causses ariosi è quello che mi piace di più! Anche se mi interessa anche la cucina locale, farçous, torte allo spiedo, aligot: anche un vegetariano trova la felicità...
Ogni giorno per lavoro incrocio i secoli nelle mie visite guidate: non ci si annoia mai nell'Aveyron occidentale!

Questo contenuto ti è stato utile?

Condividi questo contenuto