Tutte le strade portano a Santiago de Compostela! Dopo un po' di allenamento, prova l'avventura con partenza da Villefranche de Rouergue ed esplora i paesaggi delle gole dell'Aveyron.

Percorri il Cammino di Santiago
di Compostela

Jerome_Morel
pellegrino-sacados-stjacques Jerome_Morel

Da Conques a Tolosa

Sulla rotta Conques-Tolosa, prendi il Cammino di Compostela nell'Aveyron occidentale. Da Peyrusse-le-Roc a Laguépie, escursione nel cuore della natura incontaminata tra causses e gole dell'Aveyron.

Città e villaggikmOrario
Peyrusse-le-Roc – Villeneuve d'Aveyron16,14h
Villeneuve d'Aveyron – Villefranche-de-Rouergue13,13h30
Villefranche-de-Rouergue – Najac23,46h15
Najac – Cordes-sur-Ciel266h30

Bastide e gole dell'Aveyron: le tappe del viaggio

Peyrusse-le-Roc – Villeneuve

Questa tappa di 16 km inizia notevolmente grazie al rovine della città medievale di Peyrusse-le-Roc, un borgo da non perdere nel Medioevo con i suoi numerosi mercati e fiere. Oggi ne troviamo meravigliose vestigia, a cominciare dal suo due torri iconiche piantati sul loro sperone roccioso. Dopo questo tuffo nel tempo, proseguite il vostro cammino e potrete vedere, nel villaggio di Naussac, il castello marinaro risalente al XIV secolo. Raggiungerete quindi il fonte del Diège sulla palude di Montaris. Questo ambiente naturale è costituito da flora e fauna eccezionali. Potrai osservare lì in particolare numerose specie di uccelli come l'airone cenerino o la gallinella d'acqua. La fine di questa tappa prosegue lungo i muretti a secco, tipici della paesaggio caussinardo per arrivare al città bastide di Villeneuve d'Aveyron.

Aurelia Michel
Causse di Villeneuve
Guillaume Payen
Cappella dei Penitenti Neri, Villefranche de Rouergue

Villeneuve–Villefranche

La bastide di Villeneuve ospita magnifici murales in Chiesa del Santo Sepolcro che potrai ammirare prima di riprendere il cammino. Rappresentano San Giacomo e il miracolo dell'Appeso, ma soprattutto gli stessi pellegrini. Lungo la strada, scoprirai il patrimonio locale come caselle e colombaie. Questa tappa di 13 km ti porta al vecchio città fortificata di Saint-Rémy e il suo castello prima di proseguire verso il città fortificata di Villefranche-de-Rouergue. Dovrai armarti di coraggio per salire sulle alture di Villefranche per ammirare il panorama del collegiale, la Cappella dei Penitenti Neri e lontano Certosa di Saint-Sauveur. Prenditi il ​​tempo per visitare queste meraviglie prima di ripartire!

Villefranche-Najac

Si lascia Villefranche costeggiando l'Aveyron prima di riprendere quota. Da lassù camminerete lungo i sentieri agricoli e scoprirete le caratteristiche naturali e patrimoniali del Valle dell'Aveyron utilizzando i pannelli interpretativi disseminati lungo il percorso. In particolare, imparerai a conoscere le miniere e le grandi opere ferroviarie tra najac et Monteil dal 1853 al 1858. Durante questi 23 km, avrai una magnifica vista del Colpa di Villefranche. È in particolare l'arrivo a Najac che stupisce con una magnifica vista del Forteresse arroccato sul picco roccioso! Da non perdere la visita del Casa del Governatore, Centro di Interpretazione dell'Architettura e del Patrimonio, per conoscere meglio le meraviglie incontrate lungo il percorso.

Aurelia Michel
Fortezza di Najac
I narratori
Pont Saint Blaise, sulla strada per Compostela a Najac

Najac-Laguepie

Questa tappa di circa 15 km è quella che si addentra maggiormente nelle profondità della natura. Per prima cosa attraverserai il Ponte San Biagio a Najac dove potresti essere in grado di avvistare canoe che navigano nel fiume Aveyron. Questo ponte del XIII secolo fu il primo luogo di passaggio di mercanti e pellegrini che entravano nella città di Najac. Si sale poi attraverso la foresta per ridiscendere sulle rive dell'Aveyron che si seguirà fino a Laguepie. Il fiume è particolarmente bello qui e puoi approfittarne per bagnarti i piedi. Puoi quindi scegliere di fermarti a Laguépie o proseguire per Cordes-sur-Ciel.


Informazioni pratiche per prepararsi a Compostela

Prepara il tuo viaggio a Santiago de Compostela nel miglior modo possibile grazie alle informazioni pratiche qui sotto. Dove acquistare e farsi timbrare la credenziale? Dove dormire e dove mangiare? Rispondiamo a tutte le tue domande.

Cos'è una credenziale?

Chiamata anche credenziale o credenziale, la credenziale è il passaporto del pellegrino. La sua origine deriva dalla lettera che il vescovo consegnava a coloro che desideravano intraprendere il cammino di Santiago de Compostela a titolo di identificazione e protezione.

Dove posso acquistare la mia credenziale?

Ancora oggi la credenziale permette di essere riconosciuto come pellegrino. È necessario accedere a numerosi alloggi in Francia e Spagna.
Puoi ottenerlo da un'associazione jacquaire vicino a te o dal ordinare on-line.

Dove posso far timbrare le mie credenziali?

A VilleneuveA Villefranche di RouergueA Najac
- Presso l'ufficio del turismo, Place des Conques- Presso l'ufficio del turismo, Lungomare Guiraudet
– presso la Cappella dei Penitenti Neri, bd Alta Guyenne
– alla Chartreuse St Sauveur, Av. Vezian La Valletta
– presso la Collegiata, Via Notre Dame
- Presso l'ufficio del turismo, 25 Place du Faubourg
– presso la base del tempo libero AAGAC, Il Païsserou

Altri link utili per saperne di più sul Cammino di Santiago de Compostela:

Il mio alloggio in arrivo

Per aiutarvi nella scelta del vostro alloggio, l'Agence française des chemins de Compostelle ha istituito un etichetta “Accueil Chemins de Compostelle en France”. Per far parte di questa rete, gli host devono:

  • trovarsi a meno di 2 km da una strada per Compostela;
  • offrire pernottamento ed essere aperti almeno 6 mesi consecutivi all'anno tra marzo e ottobre;
  • essere dichiarato in municipio e rispettare la normativa vigente relativa alla sua attività;
  • essere socio o socio dell'Ente del Turismo a cui è annesso il comune di residenza.

Il cammino da Conques a Tolosa in poche cifre

  • 253 chilometri da percorrere;
  • 4 dipartimenti da attraversare: Aveyron, Alta Garonna, Tarn-et-Garonne e Tarn;
  • 4 GR® in prestito;
  • massimo 12 passi;
  • 5 immobili inseriti nel patrimonio mondiale dell'UNESCO;
  • 3 “Borghi più belli di Francia” visitati;
  • 4 Grandi Siti Occitania – Sud della Francia;
  • 2 vigneti;
  • 3 fiumi emblematici: Aveyron, Tarn e Garonna.

    Per saperne di più

Questo contenuto ti è stato utile?